Una terra di visioni

“Definire è limitare”, sosteneva Oscar Wilde tracciando il profilo di un Dorian Gray tanto dannato quanto reale. Cristallizzare in una sterile definizione ciò che i sensi riescono a percepire equivale a svuotare la realtà della sua essenza prima, di quel fondamento ontologico inteso nella sua più profonda accezione filosofica.

Eppure sin dai primordi della specie, l’essere umano ha sempre avvertito il bisogno di definire, di fissare. Dopo migliaia di anni tutto ha un nome. Un nome statico, che difficilmente cambierà.

Eppure questa castrante catalogazione affonda le sue aride radici nel timore più grande che atterrisce l’animo umano, la paura per ciò che egli non riesce a definire e dunque comprendere. Definizioni di carta, nel vero senso della parola. Ma ci sono luoghi e visioni che si sottraggono a questa dura legge definitoria, luoghi che sembrano nascondersi e poi riapparire tra queste nebbie tanto fitte quanto rivelatrici. E allora sorge spontaneo pensare a quell’uomo senza volto, a quell’eroe romantico a cui Friedrich affida un messaggio quasi salvifico. Un viandante che porta nel suo nome l’idea del percorso, di un peregrinare senza sosta, di una ricerca infinita che si perde nei misteri della vita.

Ed è proprio da un luogo chiave del peregrinare umano che inizia la traversata: da uno stazzo, porto alpestre che da luogo di sosta diventa arrivo e partenza di nuove rotte in un mare di nebbia che nasconde una terra ricca e sconfinata, abitata da abili contadini e celebri artigiani: la Piana Di Santa Scolastica.

Il Piano di Santa Scolastica era un antico lago formatosi per sprofondamento tettonico delle sue rocce sedimentarie di natura calcarea le cui acque, a causa probabilmente di un sisma, defluirono verso la zona di Serravalle

Delineare cosa sia un stazzo nel suo aspetto fenomenico non è difficile. Linee semplici che celebrano il trionfo della funzionalità sull’estetica, in quegli ambienti tanto spartani quanto vissuti. Ma nessuno si è mai soffermato su cosa rappresenti realmente, su quel fondamento ontologico che tutti schivano perche incapaci di comprendere. Lo stazzo: epopea di una civiltà senza tempo. Definizione straordinariamente calzante che richiama alla memoria l’eroico peregrinare di Ulisse. Stazzi sorti in luoghi estremi, che non sono i luoghi dell’abitare ma invitano l’uomo alla contemplazione del creato. Visioni che qui si manifestano con una forza quasi titanica, con una chiarezza che sembra rendere vano non solo ogni tentativo di definizione da parte dell’uomo ma anche la sua stessa presenza.

Il Piano di Santa Scolastica è considerato un esempio insuperabile di paesaggio agrario italiano, nel quale è possibile leggere le relazioni tra insediamenti, viabilità e attività agricole del Nursino

Eretta su fondamenta di sangue di sudore la Chiesa Madonna della Neve, rudere di Castel Santa Maria e vittima dell’atroce terremoto del 1979, sembra quasi capitolare sotto i colpi d’ascia di un laconico silenzio. Una grandiosità tanto imponente quanto muta, dove i volumi ispirano soggezione. Una pianta ottagonale in cui l’otto è universalmente considerato espressione dell’equilibrio cosmico e al tempo stesso simbolo del’infinito, se ruotato di 90 gradi. Cicli pittorici di bramantesca ispirazione sembrano supplicare il piccolo uomo di non lasciarli nella solitudine muta dell’universo, di non abbandonarli in quei giorni di metà ottobre che annunciano l’arrivo dell’inverno.

Il Chiesa della della Madonna delle Neve, prima del terremoto del 1979. Il Santuario, mirabile esempio di architettura sacra rinascimentale, incarnava a pieno le prescrizioni della Controriforma in materia di rinnovamento degli edifici sacri

Eppure nonostante i terremoti questa è un terra nella quale si riconosce una netta impronta del passato, un distacco abissale da una modernità che da queste parti viene quasi esorcizzata. E allora viene istintivo pensare a quel borgo medievale in cui architettura e memoria diventano i termini imprescindibili che ne forniscono una precisa connotazione spazio- temporale, a quel paese addormentato che prende il nome di San Marco. “Pax tibi Marce evangelista meus”, recita il libro che, nell’iconografia tradizionale, il santo sembra difendere a spada tratta.

Una pace che riecheggia forte tra queste antiche mura, tonante come il ruggito del leone che lo rappresenta. Immobile nella sua monumentalità, la cinta muraria del paese sembra quasi dissuadere lo straniero dall’espugnarla e invitare chi la osserva a scavalcare questi muri di medioevale memoria. Ed è proprio questo l’atteggiamento migliore, quello di aprirsi all’inaspettato, a sensazioni nascoste dietro ostacoli che non ne precludono la visione ma la proteggono da sguardi indiscreti. Sentieri che si arrampicano tra questi colli, ma dove portano?

Charles Peguy rispondeva con una domanda “Che senso ha una strada se non porta ad una Chiesa?”.

E già, perché quella stradina conduce proprio ad un santuario, quella di Santa Maria Annunziata, tempio mariano immerso in un laconico silenzio, tra muretti a secco e querce formicose. Rappresentazioni sacre che si mescolano a elementi architettonici di altissimo spessore, in un santuario che ispira beatitudine, una beatitudine che non è semplice assenza del dolore ma consapevolezza di una vita eterna, che trascende una realtà che sembra ancorarci a terra.

Ma il nostro viaggio non si ferma di certo a San Marco, ricomincia proprio da quelle campagne in cui è fiorita la regola benedettina dell’ora et labora .

L`attuale aspetto di San Marco rispecchia una riedificazione dei sec. XIII-XIV, ma la sua origine è più antica. Nell`alto medioevo doveva essere più in alto sulle colline, forse nei pressi della Chiesa di San Marco vecchio; gli abitanti del luogo indicano proprio nei pressi della chiesa del cimitero la posizione di un più antico insediamento

Ed è proprio lasciandoci alle spalle il paese di San Marco sembra quasi che nella mente tuoni l’Addio ai monti di Lucia, un addio che però è più un arrivederci. Perchè l animo umano avverte il bisogno di tornare su quei passi, di dare continuità a quelle esperienze che lo hanno delicatamente scosso, di respirare nuovamente l’essenza di questa terra, di una natura che sa essere diversa in diversi contesti.

Verosimilmente la forma armonica della città di Norcia rivive in quella perfezione geometrica di campi fortificati da siepi e querce, nell’eleganza lineare di chiese e palazzi che connota quel mosaico di paesi sparsi nella campagna e uniti tra loro da un comune passato, un filo sottile che non è astensione dal futuro ma consapevolezza della propria storia.

Paesi in cui storie di vergini e santi si mescolano a sinistre manifestazione di esseri demoniaci che la tradizione ritrae in prossimità di una quercia secolare, quella di Nottoria, a cui la comunità del posto deve la propria fama.

Nonostante la sua veneranda età, ad una stima approssimativa supera i tre secoli, la grande Quercia si mostra ancora nel pieno delle sue forze vitali, con la sterminata cupola di foglie verdissime, il gigantesco tronco sano ed eretto, le enormi branche senza una punta secca

Eppure in pochi conoscono ancora ciò che si nasconde sotto questa terra, quel fondamento ontologico inteso nella sua più stretta accezione materiale che qui assume la forma di un’antica necropoli, luogo che trasuda un’eternità vissuta in maniera diversa ma che conserva la sua connotazione più intima. Necropoli e cimiteri, archè e telos dell’investigare umano, di quel continuo porsi domande che accompagnerà l’uomo fino alla fine dei tempi. E forse anche oltre.

Paolo Aramini

Blogger per: www.bloglavalnerina.it
L’articolo è stato pubblicato su: www.bloglavalnerina.it/una-terra-di-visioni/

Tag:
28 novembre 2017 Paolo Aramini ,

Articoli Recenti