Nella terra dei presepi viventi

UMBRIA – Fino al 6 gennaio borghi e castelli dell’Umbria rappresentano, con centinaia di figuranti in costume, la rievocazione della nascita di Gesù.
 
La tradizione del presepe vivente è un elemento della cultura molto sentito in Umbria proprio perché il suo più famoso conterraneo, San Francesco di Assisi, ne fu l’ideatore, nel XIII secolo. Infatti nella notte di Natale del 1223, il frate poverello, grazie a Giovanni Velita, nobiluomo di Greccio, e a tutti gli abitanti del luogo, celebrò la nascita di Gesù in una grotta. La rievocazione drammatizzata di questo evento viene riproposta nelle città e nei paesi dell’Umbria. I figuranti che impersonano centurioni romani, pastori ed artigiani fanno rivivere scene di vita quotidiana e antichi mestieri.
 
Non è quindi così raro vedere un intero castello trasformato in presepe. Fiaccole, falò e musiche natalizie insieme a degustazioni e bevande calde fanno da cornice alle scene di vita della “antica Palestina”.
 
Di seguito, le indicazioni per alcuni dei presepi viventi e delle Natività artistiche più significative allestiti nella regione. Un clic sul nome di ogni borgo borgo apre la Google Map corrispondente per le indicazioni stradali:
 
ACQUASPARTA Un evento rievocativo che mette in risalto la Natività nella cornice degli antichi mestieri che per secoli hanno occupato gli abitanti della graziosa cittadina umbra. Oltre 150 figuranti occupati nelle professioni artigiane della lavorazione del ferro, del legno, della ceramica e di tanti altri mestieri all’interno di botteghe che coronano la nascita di Cristo e gli episodi più noti della vita del Redentore. Il presepe è ambientato all’interno di Palazzo Cesi e nei sotterranei, aperti al pubblico per la prima volta per l’occasione. Il 26 dicembre e l’1 e il 6 gennaio dalle 16:30, anche in caso di pioggia.
 
ANTRIA Terza edizione del presepe vivente nel suggestivo piccolo borgo poco lontano da Magione, sul Lago Trasimeno. Caratteristica principale di questa sacra rappresentazione, gli animali da cortile, che insieme ai figuranti riportano in vita il racconto della nascita di Gesù. Il 26 dicembre e il 7 gennaio, dalle 16:30 alle 19:30.
 
ARMENZANO Sulle pendici del Monte Subasio, la magica atmosfera del presepe è davvero suggestiva. L’ambiente, l’unicità degli allestimenti e la tradizione di un presepe che viene allestito da oltre trenta anni, fanno dell’evento di Armenzano uno dei più caratteristici dell’Umbria. Il 3 gennaio 2018, dalle 16.30 alle 19.00
 
ARRONE Al Castello del borgo umbro, recentemente inserito tra I borghi più belli d’Italia, il 6 gennaio dalle 17.00 è in programma la 22esima edizione del Presepe vivente.
 
BETTONA Un presepe vivente interamente recitato dove i figuranti danno vita, in mezzo al pubblico, ad uno spaccato della sacra notte di Betlemme in cui il visitatore diventa parte integrante. In un percorso illuminato solo dalle fiammelle delle torce, la decima edizione della rappresentazione rinnova la Natività in una atmosfera emozionante. Date: 26 e 30 dicembre, 1 e 6 gennaio, dalle 17:30 alle 20:00. Le visite, tutte guidate, partono ogni 10 minuti e durano circa 40/45 minuti. Biglietti numerati disponibili dalle 17:00 presso la postazione di Corso Marconi. Info: 340.4625874 – 393.8647060
 
DERUTA Le associazioni del Comune di Deruta, con il patrocinio dell’amministrazione comunale, presentano un grande presepe vivente. Le rappresentazioni, nella cornice dell’affascinante centro storico, si svolgeranno il 26, il 30 dicembre e il 6 gennaio, a partire dalle 20:30. Durante le rappresentazioni, saranno presentati anche i prodotti enogastonomici tipici del territorio.
 
FORNOLE Per tutto il periodo natalizio un presepe è ricostruito lungo le vie del paese e mercoledì 6 gennaio, oltre a degustazioni con prodotti tradizionali fornolesi, ci sarà un corteo dalla chiesetta di San Silvestro fino al centro del paese con i personaggi della Natività e infine il rogo della Befana. Il 6 gennaio 2018 dalle 15.30 alle 18.30
 
MARCELLANO Tra i più noti per la straordinaria scenografia naturale, il presepe vivente di Marcellano coinvolge tutto il borgo in una atmosfera veramente incantevole ed emozionante. Dal 1984, il paese si trasforma ogni anno in una stupefacente Betlemme, dove un centinaio di figuranti drammatizzano all’interno delle antiche mura alcune scene tradizionali e rievocano l’attesa dell’evento. Le date: 25, 26 e 30 dicembre, 1, 6 e 7 gennaio sempre dalle 17:30 circa, all’imbrunire. Anche in caso di pioggia.
 
PASSIGNANO SUL TRASIMENO Centinaia di figuranti riportano in vita la Natività nella splendida cornice del borgo medievale sulle rive del Lago. Sarà possibile passeggiare per le antiche vie degustare prodotti tipici e assistere alla realizazione di manufatti artigianali. Visitabile il 3 e 6 gennaio 2018, dalle 17.00 alle 19.00
 
PIEDILUCO Sul lago di Piediluco il presepe è su una barca che galleggia. Uno spettacolo singolare che attrae visitatori da ogni dove. Particolarmente suggestivo di notte è visitabile tutti i giorni fino al 10 gennaio.
 
POZZUOLO Uno dei presepi viventi più spettacolari dell’Umbria. A contorno della Natività, si ricostruisce la vita quotidiana al tempo della nascita di Cristo, con scene di arti e mestieri dell’epoca. Tutto il centro storico è coinvolto ed è presente anche un mercatino con prodotti tipici regionali. Visitabile il 3 e 6 gennaio 2018 dalle 17.30 alle 19.30
 
STRONCONE Anche quest’anno Coppe di Stroncone si prepara per l’evento del presepe vivente ideato da San Francesco. Gli oltre cento figuranti della rievocazione storica, indosseranno costumi ideati ed interamente realizzati a mano dalle donne del Paese. I visitatori potranno seguire un percorso in un paese riportato indietro nel tempo dove incontreranno pastori, viandanti, artigiani e personaggi della vita quotidiana, senza tralasciare i punti di ristoro. Fino al 3 gennaio 2018, con inizio alle 17.
 

Giulia Cardini

Tag: ,
18 dicembre 2017 Giulia Cardini

Articoli Recenti