Festival del giornalismo, a Perugia l’XI edizione

PERUGIA – Dal 5 al 9 aprile a Perugia torna il Festival Internazionale del Giornalismo, quest’anno alla sua XI edizione.
 
Mai uguale a se stesso, sempre fedele allo spirito che negli anni l’ha reso un appuntamento imperdibile nel panorama mondiale, al cuore dell’evento 2017 ci saranno le persone. Più di 500 speaker in arrivo da tutto il mondo si incontreranno a Perugia per raccontare e condividere storie, testimonianze ed esperienze. Dall’America di Trump alla Filippine di Duterte, passando per l’Africa e il Medio Oriente e ovviamente l’Europa.
 
Come sempre, la manifestazione sarà una riflessione sui temi del giornalismo e sui cambiamenti continui della professione. E l’occasione per raccontare storie e temi di attualità, le questioni che premono sulle nostre società, sul nostro stare insieme.
 
Trump e la sua sfida continua ai media, la Turchia di Erdogan e la libertà di informazione sotto attacco in tutto il mondo, l’Europa al bivio con Brexit e la spinta dei movimenti populisti, e la pericolosa tentazione di legiferare sulla verità per contrastare le fake news, in una presunta era della post-verità.
 
Si parlerà di Siria, di Yemen, una delle crisi meno raccontate del Medio Oriente, e con Medici senza Frontiere, si parlerà delle guerre e della povertà che spingono milioni di persone ad abbandonare i loro paesi, di Africa grazie anche all’incontro organizzato da Amref “Prendersi cura del mondo” con Riccardo Iacona. L’attivismo, i diritti umani, le cyberguerre, la guerra ai signori del narcotraffico, la crisi di fiducia nei media che mette a rischio le nostre democrazie, il cambiamento climatico, la necessità di un giornalismo capace di parlare alle nuove generazioni “digitali”, il ruolo, i rischi e l’etica dei leak e del whistleblowing per il giornalismo. E ancora: modelli di business e ruolo della filantropia nel presente e futuro dei media, disabilità e sport, ISIS e il ruolo delle donne nel terrorismo islamico, ricerca e università, la sfida degli algoritmi per il giornalismo e la democrazia, vaccini e la necessità di saper comunicare la scienza.
 
In cinque giorni, circa 250 eventi con oltre 500 speaker da 44 paesi diversi, come sempre tutto rigorosamente a ingresso libero e in live streaming.
 
Il 7 aprile (dalle 11:30 al Centro Camerale G. Alessi di via Mazzini), un appuntamento speciale per mettere in vetrina le qualità della regione che ospita il Festival. E’ la cerimonia di premiazione dei vincitori dell’ottava edizione del Premio Giornalistico Internazionale Raccontami l’Umbria – Stories on Umbria, indetto dalla Camera di Commercio di Perugia e dalla Camera di Commercio di Terni per valorizzare e promuovere, anche attraverso il sistema dei media, il patrimonio artistico, ambientale e produttivo della Regione Umbria.
 
Ma gli appuntamenti sono tanti. Quattro i talk di 17 minuti affidati a personalità del mondo dei media e non solo, che porteranno al festival le loro storie, le loro esperienze, le loro riflessioni: Cameron Barr (Managing Editor The Washington Post), Adam Mosseri (Vice President of product Facebook), Zaina Erhaim (Institute for War and Peace Reporting) e Evan Greer (Campaign Director Fight for the Future).
 
A teatro con Marco Travaglio, Roberto Saviano, Beppe Severgnini e altri giornalisti e scrittori per serate-spettacolo e poi dirette TV con Luca Bottura (Lateral, Radio Capital), Paolo Salerno (Le voci del mattino, Radio Rai1), Massimo Bordin (Stampa&Regime, Radio Radicale), RaiNews24 e SkyTG24.
 
Info e programma: Festival Internazionale del Giornalismo

Tag: ,
10 marzo 2017 Redazione UT

Articoli Recenti