Al via una straordinaria stagione per gli Amici della Musica di Foligno

Vadim Brosky, protagonista del concerto di apertura (sabato 27 gennaio) della stagione degli Amici della musica di Foligno

FOLIGNO – Venticinque concerti, ma poi anche appuntamenti con la danza, la scienza, performance multimediali, conferenze, progetti per gli studenti, masterclass di canto lirico, laboratori di musicoterapia, corsi di guida all’ascolto, itinerari musicali verso i più importanti teatri d’opera italiani ed europei. Tutto questo sarà la 37esima stagione degli Amici della Musica di Foligno che è stata appena presentata all’Auditorium San Domenico, cuore e culla della musica colta della vivace cittadina umbra.
 
Sulla euforizzante spinta dovuta ad un incremento del 14% di spettatori registrato nella passata edizione il direttore artistico Marco Scolastra, da anni anima degli Amici di Foligno, ha presentato la nuova stagione come una sorta di gigantesco “caleidoscopio sonoro in cui ognuno potrà trovare il genere preferito” dal barocco “fino ad approdare alla contemporaneità e alla sperimentazione, senza temere il dialogo con altri generi quali il jazz a cui quest’anno si aggiungerà il blues”.
 
In totale gli artisti coinvolti saranno ben 166, con nomi del panorama internazionale come il pianista Ramin Bahrami, tra i più grandi interpreti di Bach, e il celebre violinista Vadim Brodski, protagonista proprio del concerto inaugurale, sabato 27 gennaio, con l’Orchestra Sinfonica Rossini di Pesaro, eccezionalmente diretta dalla giovanissima e talentuosa Nil Venditti, perugina ventitreenne ma già nota alla critica e al pubblico internazionale. La serata sarà un vero e proprio evento multimediale accompagnato dalla proiezione di film di animazione di Gianini-Luzzati.
 
“Anche per il cartellone 2018 – sottolinea il presidente degli Amici Giorgio Battisti – la parola d’ordine è diversificare, accogliere altre esperienze, aprirsi alla città. Gli oltre 6000 biglietti “staccati” nella stagione passata ci dicono che la strada intrapresa è quella giusta, che un numero sempre maggiore di persone si stanno avvicinando all’ascolto della musica dal vivo. Di qui l’attenzione anche al sociale che porterà quest’anno due corsi di musicoterapia per ragazzi colpiti da autismo e disagio mentale”.
 

Ramin Bahrami

Dopo gli anni della contrapposizione campanilistica col capoluogo ora si è passati alle collaborazioni con il Conservatorio di Perugia, con la Fondazione Cucinelli, con la Sagra Musicale Umbra, con la Festa di Scienza e Filosofia che darà vita il 25 aprile ad un sorprendente Flash Mob, tra scienza, danza e musica.
 
Interessanti le due master class dedicate al canto lirico con stelle del belcanto quali Cinzia Forte e Desirée Rancatore, già acclamata protagonista nelle passate edizioni dell’integrale delle arie di Tosti con Scolastra al piano.
 
Non sarà poi il solo Auditorium ad essere coinvolto nella stagione ma anche palazzi storici come il Pandolfi Elmi e il Cattani, il delizioso Oratorio del Crocefisso e la hall dell’Ospedale San Giovanni Battista.
 
Non mancheranno omaggi ai 150 anni dalla morte di Rossini e alla scomparsa ben più recente di quel grande uomo di spettacolo che è stato Paolo Poli, ricordato dal suo “erede” artistico, Pino Strabioli.
 
Per gli amanti della danza da non perdere il flamenco della più grande bailaora del momento, Pastora Galvàn al suo primo tour italiano di sole tre tappe: Venezia, Roma e appunto Foligno. Si terrà poi a giugno, per la Giornata europea della Musica, Umbria Blues Festival, una vivace due giorni che vedrà protagonisti tre celebri musicisti del blues contemporaneo: Jeff McErlain, Matt Schofield e David Grissom.
 

Carlo Verdone sarà a Foligno per un incontro pubblico in occasione del concerto degli Amici della musica del 17 febbraio 2018

Vere “chicche” saranno poi gli incontri che precederanno i concerti serali del 17 febbraio con Carlo Verdone, del 24 marzo con il celebre scrittore Wlodek Goldkorn ed infine del 26 maggio con Flavio Caroli, storico dell’arte ben noto al pubblico televisivo.
 
Altri nomi famosi sono quelli di Daniela Mazzucato, con un atto unico di Jean Cocteau per la musica di Francis Poulenc, e di Peppe Servillo, l’11 novembre nell’Histoire du Soldat di Stravinskij, concerto dedicato ai 100 anni della fine della Grande Guerra.
 
Il cartellone dettagliato dei concerti è di imminente pubblicazione. Vivat musica!
 
Info: http://amicimusicafoligno.it/home/
 

Roberto Vitali

 

Programma del concerto di apertura di sabato 27 gennaio:

Gioacchino Rossini
Sinfonia da Il barbiere di Siviglia
Sinfonia da Il turco in Italia
con proiezione del film di animazione Pulcinella di Gianni-Luzzati
 
Felix Mendelssohn
Concerto per violino e orchestra in mi minore op. 64

Tag:
23 gennaio 2018 Roberto Vitali

Articoli Recenti