Agriturismo? In Umbria è meglio

UMBRIA – Gli appassionati dell’agriturismo preferiscono l’Umbria. Lo certifica l’analisi di Agriturismo.it effettuata su dati forniti da Nextplora e dall’Osservatorio Innovazione Digitale del Turismo.
 
Con il 34% di preferenze, l’Umbria si attesta al secondo posto in Italia e si afferma anche in questo particolare settore turistico come la più diretta antagonista della storica meta prediletta dai turisti stranieri e nazionali, la Toscana, al primo posto con il 54%. Dopo l’Umbria ci sono Veneto e Sicilia con il 20% e il Friuli Venezia Giulia con il 14%.
 
In Italia gli agrituristi valgono più di un miliardo di euro. Sono oltre 5 milioni e la maggior parte di loro sceglie la struttura per l’ospitalità familiare e la buona cucina. L’agriturista tipo ha tra i 35 e i 65 anni, è sposato e parte o in coppia o in famiglia.
 
Dalle analisi fatte, chi sceglie l’agriturismo ama rilassarsi e degustare i prodotti tipici e programma il soggiorno per visitare attrazioni naturalistiche o storiche nei dintorni. Dei tre milioni e 500 mila che negli ultimi 12 mesi hanno scelto di soggiornare in queste strutture, l’86% si ritiene soddisfatto e vuole ripetere l’esperienza. Tra questi gli italiani, che scelgono una vacanza sicura, vicino casa, in una zona tranquilla tra il mare, la montagna e la collina, alla ricerca della sobrietà e del relax. Per quanto riguardagli stranieri (l’87% degli agrituristi provengono dall’Europa), il 35% viene dalla Germania, il 12% dal Belgio e dall’Olanda e l’8% dal Regno Unito.
 
Secondo l’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo 2015, tra gli strumenti digitali più usati per poter scegliere la vacanza giusta, si trovano le recensioni, i commenti letti online e gli articoli specializzati in viaggi. Per quanto riguarda l’ispirazione offline invece, sono molto influenti i consigli di amici e parenti e la nostalgia delle vacanze passate.
 
Info
www.agriturismoinfiera.it

Tag:
18 dicembre 2015 Redazione UT

Articoli Recenti